ATTUALITA’ ISRAELE – STATI UNITI: Il Senato Approva il Mantenimento dell’Ambasciata a Gerusalemme

Il Senato degli Stati Uniti ha votato in modo schiacciante per mantenere l'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme; solo tre senatori contro la creazione di finanziamenti per mantenere la missione diplomatica.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Con una mossa controversa, l’amministrazione Trump ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele alla fine del 2017 e ha trasferito la sua ambasciata da Tel Aviv alla città santa nel 2018.

È stato il primo di una serie di doni diplomatici consegnati dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Israele.

Il presidente Joe Biden sta adottando un approccio più equilibrato nei confronti di Israele e dei palestinesi, ma ha detto che non ha intenzione di riportare l’ambasciata a Tel Aviv.

L’emendamento approvato da 97 senatori rende di fatto permanente il trasferimento dell’ambasciata.
I senatori Bernie Sanders, Elizabeth Warren e Tom Carper hanno votato contro la mossa.

Il piano per costruire una struttura permanente dell’ambasciata a Gerusalemme è stato approvato nel 2019; a gennaio, le autorità municipali di Gerusalemme hanno dichiarato di aver dato l’approvazione preliminare a una sede per l’ambasciata americana permanente nella città, nel cosiddetto complesso di Allenby delimitato da Hebron Road a Gerusalemme meridionale.

Al momento, l’ambasciatore vive presso l’ex consolato degli Stati Uniti in un edificio storico nel centro di Gerusalemme, Agron Street, ma si dice che sia troppo piccolo per lo scopo. Hassan-Nahoum ha detto che questo sito verrebbe probabilmente mantenuto per eventi e conferenze dell’ambasciata.

Hebron Road è la sezione interna della città della Route 60, che collega la parte settentrionale e meridionale della Cisgiordania.

Il sito è vicino a una linea invisibile che divide Gerusalemme Ovest e Gerusalemme Est, la parte della città catturata da Israele dalla Giordania nella Guerra dei Sei Giorni del 1967 e rivendicata dai palestinesi come futura capitale. Non è stato subito chiaro se oltrepassa il confine.

La maggior parte dei paesi europei ha condannato la mossa di Trump del 2018 in quanto non in linea con il consenso internazionale, preferendo attendere il riconoscimento della città fino a quando lo status di Gerusalemme non sarà finalizzato nei colloqui con i palestinesi.

«…Così parla il SIGNORE degli eserciti:
“Le mie città traboccheranno ancora di beni, il SIGNORE consolerà ancora Sion e sceglierà ancora Gerusalemme”».
‭‭Zaccaria‬ ‭1:17

 

Fonte: https://www.timesofisrael.com/

redazione @adifalconara #attualità#Israele

Articoli recenti