Attualità ISRAELE – La forza di un popolo

Israele ha avuto la reputazione di essere una nazione guerriera.  Questo perché nel corso della storia ha dovuto lottare per la sua sopravvivenza. Cosa ha da offrire Israele di così tanto attraente?
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Dalla nascita del suo Stato nel 1948, Israele ha avuto la reputazione di essere una nazione guerriera. 

Questo perché nel corso della storia ha dovuto lottare per la sua sopravvivenza.

Tuttavia le gelide relazioni con i suoi vicini stanno cominciando a sciogliersi. 

Nel Medio Oriente, Israele non viene più vista come il rifiuto tra le nazioni arabe ma inizia ad essere corteggiata da un certo numero di ex nemici. 

Cosa ha da offrire Israele di così tanto attraente?

Il primo elemento è la forza militare.

Classificato all’ottavo posto come paese più potente al mondo e primo nel Medio Oriente.

Israele continua ad avere un’attrazione abbastanza forte al punto da stringere nuove alleanze e portare una maggiore pace nella regione.

La seconda caratteristica interessante che attira le nazioni è l’economia in forte espansione.

Ora che gli Stati del Golfo sono aperti all’acquisto di ciò che Israele ha da offrire, il commercio fiorisce. 

Si pensi ad esempio al giacimento Leviathan e i suoi 22 trilioni di metri cubi di gas naturale.

Una parte dell’Africa e l’Europa sono venuti a chiedere una fetta di quell’enorme torta.

La terza caratteristica è la tecnologia.

Israele inizia ad essere definita la Silicon Valley del Medio Oriente.

Man mano che il mondo si allontana dai combustibili fossili bisogna trovare un nuovo modo per generare entrate. 

La tecnologia consentirebbe a queste nazioni di trarre nuovi profitti, perciò Israele rappresenta il posto giusto dove investire.

Israele dal 1948 ha compiuto passi da gigante.

Da paese completamente desolato e disperso, oggi, è una delle nazioni più evolute dal punto di vista militare, economico e tecnologico. 

Com’è possibile che una nazione progredisca con tale velocità?

Il popolo israeliano si è contraddistinto, nel corso della storia, per coraggio e tenacia.

Tuttavia le risposte si trovano nella Bibbia, la Parola di Dio.

Le profezie contenute al suo interno parlano chiaramente del destino di questo popolo:

  • dispersione, persecuzione e desolazione (Deuteronomio 28:62-67, 29:22-27).

Le profezie bibliche parlano anche:

  • del loro ritorno in patria (Isaia 11:11-12; Ezechiele 11:17)
  • della rinascita della nazione (Zaccaria 8:4-8; Ezechiele 36:24-30)
  • del suo sviluppo (Isaia 27:6; Ezechiele 36:36).

La maggior parte di questi eventi sono già avvenuti, altri si evidenziano sotto i nostri occhi.

Oggi possiamo ammirare questa nazione come espressione della fedeltà di Dio alle Sue promesse. 

Israele viene spesso definita l’orologio di Dio

Gesù stesso invita ad osservare gli eventi che riguardano il mondo e la nazione d’Israele in modo da discernere i tempi in cui ci troviamo.(Matteo 24)

Se Dio è stato fedele con il Suo popolo nel corso dei secoli possiamo essere certi che continuerà a mettere ad effetto la Sua Parola negli eventi intorno a noi e nelle nostre vite.

Isaia 46:9-10,13

Ricordate il passato, le cose antiche; perché io sono Dio, e non ce n’è alcun altro; sono Dio, e nessuno è simile a me.

Io annuncio la fine sin dal principio, molto tempo prima dico le cose non ancora avvenute; io dico:

Il mio piano sussisterà, e metterò a effetto tutta la mia volontà; Io faccio avvicinare la mia giustizia; essa non è lontana, la mia salvezza non tarderà; io metterò la salvezza in Sion e la mia gloria sopra Israele.

 

Anche tu puoi essere erede delle promesse di Dio “se” accetti la salvezza che Dio ti offre tramite suo figlio Gesù Cristo!

  «perché siete tutti figli di Dio per la “fede in Cristo Gesù”…

Non c’è qui né Giudeo né Greco; non c’è né schiavo né libero; non c’è né maschio né femmina; perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù.

Se siete di Cristo, siete dunque discendenza di Abraamo, eredi secondo la promessa.»

(Galati 3:26, 28-29 )

 

redazione @adifalconara #attualitàIsraele

Articoli recenti