MEDITAZIONE SETTIMANALE – Non lasciarti scoraggiare dal tuo fallimento

Come reagiamo al fallimento? Spesso ci lasciamo abbattere e scoraggiare, e ci arrendiamo di fronte alle nostre mancanze. Ancora una volta, il Signore ci ricorda che Egli è sempre pronto a rialzarci.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

A volte ci capita di fallire, di non riuscire in qualcosa.

Questo è normale; dopotutto, non siamo creature perfette, infallibili.

Sbagliamo, come sbagliano tutti.

Ma questi fallimenti a volte ci portano allo scoraggiamento, e a pensare di non essere capaci di nulla.

Questi pensieri, se non contrastati, possono farci male.

Possono portarci a dubitare dell’amore di Dio verso di noi.

È vero, nessuno di noi è perfetto, e nessuno di noi è giusto.

Ce lo dice la Parola di Dio.

La Bibbia ci dice che non c’è nessun giusto sulla Terra:

Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio

(Romani 3:23)

Ma c’è una bella consolazione, una buona notizia: Gesù ci dà la sua grazia, così che non dobbiamo essere perfetti.

Noi non siamo perfetti, siamo peccatori, ma siamo giustificati gratuitamente attraverso Gesù, il quale lava via il nostro peccato e ci rende puri davanti agli occhi di Dio.

La Bibbia è piena di storie di uomini e donne che hanno seguito Dio, ma che hanno anche peccato, non hanno agito giustamente e non hanno condotto una vita sempre santa.

Abramo, Davide, Paolo…sono solo alcuni degli esempi di persone nella Bibbia che erano grandi servitori di Dio, ma che hanno commesso anche degli errori.

Non per questo Dio ha smesso di amarli o di usarsi di loro, perché la cosa più importante è stato il loro ravvedimento.

Se si potesse essere giusti e perfetti, sicuramente ci sarebbe stato qualche esempio nella Bibbia.

Ma tutti, anche i più grandi uomini di Dio, hanno sbagliato prima o poi.

Però hanno capito che avevano bisogno di Cristo.

Troppo spesso quando sbagliamo ci lasciamo abbattere e ci scoraggiamo, e cominciamo a pensare che Dio si è stancato di noi, che non siamo all’altezza, e che non siamo abbastanza per Lui.

Ci fermiamo su quell’idea e restiamo lì.

Invece dovremmo ricordarci che Dio è sempre pronto a perdonarci di nuovo, e che qualsiasi cosa facciamo il suo amore non cambia mai.

Non saremo mai abbastanza buoni o giusti da “meritarci” l’amore di Dio.

Ma Egli ci ama, ama tutti i peccatori, perché Dio è amore.

Dobbiamo solo imparare a pregare come facevano quei grandi uomini di Dio, che sapevano di non essere abbastanza, ma erano consapevoli di aver bisogno di Lui per esserlo.

Io ringrazio colui che mi ha reso forte, Cristo Gesù, nostro Signore, per avermi stimato degno della sua fiducia, ponendo al suo sevizio me, che prima ero un bestemmiatore, un persecutore e un violento; ma misericordia mi è stata usata, perché agivo per ignoranza e mia incredulità; e la grazia del Signore nostro è sovrabbondata con la fede e con l’amore che è in Cristo Gesù.

I Timoteo 1:12-14

 

redazione @adifalconara #meditazionesettimanale

Articoli recenti