Attualità – LA DEGRADAZIONE CULTURALE

Quasi ogni aspetto della società sta subendo una trasformazione radicale, e questo sta portando alla lenta distruzione delle nostre identità e delle nostre famiglie.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Quello che dovrebbe preoccuparci dei recenti cambiamenti culturali, è il fatto che molti di essi stiano attaccando il concetto di identità, soprattutto nei bambini.

Inoltre si attacca con crescente intensità anche il concetto di famiglia e cosa essa comprende.

Ad esempio, la città di Cambridge nel Massachusetts, ha di recente riconosciuto ufficialmente il poliamore.

Il poliamore è la pratica di una persona di avere più relazioni intime contemporaneamente, nel pieno consenso di tutti i partner coinvolti.

L’organizzazione americana che ha portato a questo riconoscimento ha espresso la speranza che questo sia il primo passo verso un riconoscimento legale delle famiglie poliamorose ovunque.

In Canada, un padre è stato incarcerato per aver impedito alla figlia minorenne di prendere testosterone, e per aver rifiutato di rivolgersi a lei al maschile sia privatamente che in tribunale. 

Quest’uomo aveva inoltre scoperto che la scuola di sua figlia aveva già cambiato il suo nome nei registri senza informare i genitori.

Vediamo quindi come la società stia distruggendo passo dopo passo i concetti di identità e di famiglia, ridicolizzando la distinzione tra maschio e femmina, e la struttura tradizionale della famiglia, abolendo persino il potere e il diritto di un genitore di decidere cosa sia meglio per i propri figli.

Se vogliamo che le prossime generazioni non seguano la decadenza morale di questa è cercare di cambiare la loro traiettoria spirituale. 

Come Cristiani siamo chiamati a portare la verità di Dio.

Dio ha stabilito e istituito una legge e ci chiede di farla conoscere, come è scritto in Salmi 78:5-8 :

Perché fossero note alla generazione futura, ai figli che sarebbero nati. Questi le avrebbero così raccontate ai loro figli, perché ponessero in Dio la loro speranza e non dimenticassero le opere di Dio, ma osservassero i suoi comandamenti. Tutto ciò per non essere come i loro padri, una generazione ostinata e ribelle, una generazione dal cuore incostante, il cui spirito non fu fedele a Dio.

Difendiamo i bambini, anche quelli non ancora nati, difendiamo i nostri ragazzi dall’immoralità della cultura di oggi, e difendiamo la libertà di parola nelle scuole e nei luoghi in cui vengono formate le giovani menti. 

Non abbiamo bisogno di scegliere chi o cosa siamo.

Dio ci ha creati esattamente come dobbiamo essere. 

“Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà.”

Romani 12:2

 

Fonte: www.christianheadlines.com

 

redazione @adifalconara #attualità

Articoli recenti