MEDITAZIONE SETTIMANALE – IL GIUSTO BERSAGLIO

Hai mai provato a tirare una freccia con l’arco? C’è bisogno di un grande sforzo per padroneggiarlo.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Come frecce nelle mani di un prode.

(Salmi 127:4)

L’arciere a cavallo era uno dei guerrieri più temuti sull’antico campo di battaglia.

Nel corso della storia, questa disciplina, ha reso l’uomo un conquistatore. 

C’era bisogno di preparazione, equilibrio, precisione per vincere in battaglia.

Le frecce erano efficaci perché permettevano di raggiungere obiettivi nemici e vincere. 

La Bibbia dice che il SIGNORE è un guerriero (Esodo 15:3).

Se Dio è il nostro guerriero noi siamo le Sue frecce! 

L’arciere sceglie con cura le sue frecce per tenerle al sicuro e usarle al tempo giusto.

Dio vuole scegliere anche te, ma devi essere disposto a stare nella faretra.

Appartenere a Gesù è una tua scelta!

La freccia deve sottoporsi ad una manutenzione profonda per risultare ben bilanciata e diritta.

Dio vuole fare questo nelle nostre vite!

Egli vuole formarci per renderci pronti a stare sulla corda tesa e raggiungere l’obiettivo.

Per fare questo Dio ha fornito tutto ciò di cui abbiamo bisogno nella Sua Parola.

Come deve essere la freccia?

La freccia deve risultare stabile e leggera.

Appena viene tirata dall’arco comincia a subire l’influenza della forza di gravità e della resistenza dell’aria.

Le cattive influenze e le tentazioni possono farci perdere la traiettoria e cadere.

La stabilità è essenziale nella vita cristiana, ma non solo.

La freccia non può essere pesante perché avrebbe difficoltà a rimanere sulla traiettoria. 

Per questo dobbiamo lasciare le zavorre della preoccupazione, dello sconforto o dei dubbi per essere leggeri ed efficaci.

Forse ti senti appesantito perché ti stai impegnando molto nei tuoi studi, nel tuo lavoro o altro. 

Permettigli di alleggerirti e indirizzarti bene.

Torna alla preghiera, alla lettura della Bibbia e a ciò che Dio vuole dirti.  

Qual’è l’obiettivo di una freccia? 

La freccia mira al centro!

Non si guarda intorno perché vuole raggiungere proprio quel punto!

Possiamo avere tanti obiettivi in questa vita: una buona istruzione, successo lavorativo, appagamento sentimentale o familiare.

Sebbene siano tutte cose buone, non sono le più importanti. 

C’è un obiettivo fondamentale: la tua relazione con Dio! 

Questa è l’unica cosa che resterà eterna!

Dare la priorità a Dio non è sempre facile.

I Suoi piani spesso non coincidono con i nostri.

Perciò dobbiamo scegliere se centrare i nostri o i Suoi obiettivi.

Centriamo quelli di Dio quando Gli diamo la priorità, quando annunciamo la salvezza in Cristo e raggiungiamo i cuori con il Suo amore, quando difendiamo il Vangelo senza compromessi.

Dio conosce profondamente ognuno di noi e quanto deve tendere la corda dell’arco.

Egli non ti punterà mai verso un traguardo irraggiungibile.

Può succedere però che le frecce falliscano il bersaglio, allora è necessario andare “a cercarle…” (I Sam 20:21), raccoglierle e tirare di nuovo.

Forse ti trovi lontano da Dio oppure sei schiavo di qualche peccato.

Sapevi che peccato significa proprio “mancare il bersaglio”?

Quando sbagliamo abbiamo bisogno di tornare nelle mani del nostro prode guerriero Gesù, lasciarci raccogliere da terra per tornare ad essere frecce utili. 

Torna a Gesù e sarai una freccia efficace nelle mani del tuo Prode Guerriero!

 

redazione@adifalconara #meditazionesettimanale

Articoli recenti