#Attualità – #DIO #FORTIFICA I #CREDENTI IN #MOZAMBICO

Sappiamo che nel #mondo molti credenti vengono #perseguitati a causa della loro #fede, ma una #testimonianza recente di una missionaria in Mozambico ci mostra come l’#opera di Dio non si #ferma anche in #mezzo alla persecuzione, e come Egli #benedice e dà #forza al Suo #popolo.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
#Heidi #Baker è una #missionaria che vive in uno dei paesi più poveri e pericolosi del mondo.
Dal 2017 i militanti dell’ISIS hanno ucciso più di 2600 persone e ne hanno sfollate settecentomila nel loro tentativo di stabilire un califfato Islamico in Mozambico.
Sono inoltre responsabili di numerosi attacchi terroristici nelle chiese della regione.
Il 24 marzo 2021, uno di questi gruppi terroristici, Al Shahab, ha invaso la città di Palma, dove vive la missionaria Heidi Baker, uccidendo dozzine di persone e ferendone altrettante.
È da più di 25 anni che questa missionaria vive in Mozambico, dove è a capo dell’organizzazione umanitaria Iris Global, e ha sperimentato in prima persona la sofferenza e il massacro di quel popolo.
Eppure, lei afferma che nonostante tutto questo, il #Signore si sta muovendo e sta operando grandemente in quel paese.
Aggiunge anche che “Il Signore, in mezzo alla tragedia, sta facendo le cose più incredibili, Egli sta asciugando tutte le nostre lacrime”.
Delle chiese sono state bruciate, e vengono bruciate anche le case e i raccolti di tutti quelli che non si sottomettono a questo gruppo di terroristi, di qualunque fede essi siano.
Ma Heidi Baker vuole comunque continuare a predicare il vangelo, anche in mezzo al terrore esercitato dai terroristi.
“Quelli di Al Shahab sono un gruppo terrificante”, ha ammesso la Baker, “Non voglio essere ipocrita, non voglio essere decapitata, non voglio essere rapita…voglio continuare a predicare il glorioso vangelo per molti altri anni.
Ma se credi in Gesù, sei uno dei primi sulla loro lista.”
Ci vuole molto coraggio a vivere in una situazione come quella di Heidi Baker.
Non è sicuramente facile vivere in uno stato di paura costante, dove ogni giorno potresti morire perché sei un Cristiano.
Molti di noi magari avrebbero rinunciato, saremmo tornati a casa, al sicuro.
Vediamo però come il Signore opera grandemente in quel luogo.
Dio non abbandona i suoi, anzi li fortifica e gli dà il coraggio di affrontare quella situazione, li libera dalla paura e rafforza la loro fede.
Preghiamo per i nostri fratelli in Mozambico e nel mondo, per quanti sono vittime di odio e di terrorismo a causa della loro fede.
Preghiamo anche per noi, che il Signore possa donarci la loro stessa determinazione a continuare a predicare il Vangelo, dovessimo mai trovarci in una situazione simile.
“Tu non temere, perché io sono con te; non ti smarrire, perché io sono il tuo Dio; io ti fortifico, io ti soccorro, io ti sostengo con la destra della mia giustizia.” (#Isaia 41:10)

Articoli recenti